LE PATENTI CONVERTIBILI

 

 

I titolari di una patente di guida rilasciata da uno Stato straniero possono guidare sul territorio italiano veicoli per i quali è valida la loro patente purchè non residenti in Italia da più di un anno.

 

La patente estera (extracomunitaria), non conforme, deve essere accompagnata dal permesso internazionale di guida (rilasciato dallo Stato estero che ha emesso la patente) ovvero da una traduzione ufficiale in lingua italiana.

 

Dopo un anno dall'acquisizione della residenza in Italia i titolari di patente di guida extracomunitaria non sono più abilitati alla conduzione di veicoli sul territorio italiano.

 

E' possibile convertire la patente di guida extracomunitaria in patente italiana se è stata rilasciata da uno degli Stati con i quali sono stati stipulati accordi bilaterali in tal senso.

 

Inoltre per essere convertita una patente:

• non deve essere provvisoria e deve essere in corso di validità;
• deve essere rilasciata prima dell'acquisizione della residenza da parte del titolare nel territorio dell'altra Parte Contraente;
• il titolare della patente deve essere residente in Italia da meno di quattro anni al momento della presentazione della domanda (chi è residente da più di quattro anni dovrà sostenere l'esame di revisione);
• non deve essere stata ottenuta da conversione di altra patente estera non convertibile in Italia.

 

Si riporta l'elenco di tutti gli Stati per i quali è possibile ottenere la conversione delle patenti, ultimo aggiornamento 05.12.2018:

 

Unione europea

S.E.E. – E.F.T.A.

Extra Unione Europea

Austria

Lituania

Islanda

Albania (fino al 25.12.19)

Sri Lanka (fino al 04.03.22)

Belgio

Lussemburgo

Liechtenstein

Algeria

Taiwan

Bulgaria

Malta

Norvegia

Argentina

Tunisia

Cipro

Paesi Bassi

Svizzera (fino al 11.06.21)

Brasile (fino al 13.01.23)

Turchia

Croazia

Polonia

  El Salvador (fino al 04.08.21)

Ucraina (fino al 29.05.21)

Danimarca

Portogallo

 

Filippine (*)

Uruguay (fino al 17.05.20)

Estonia

Rep. Ceca

 

Giappone

 

Finlandia

Romania

 

Libano

 

Francia

Slovacchia

 

Macedonia

 

Germania

Slovenia

 

Marocco

 

G. Bretagna (*)

Spagna

 

Moldavia

 

Grecia

Svezia

 

Principato di Monaco

 

Irlanda

Ungheria

 

Rep. di Corea

 

Lettonia

    San Marino  

 

Elenco degli Stati le cui patenti possono essere convertite solo per alcune categorie di persone:

Canada: personale diplomatico e consolare

Cile: diplomatici e loro familiari

USA: personale diplomatico e consolare e loro familiari

Zambia: cittadini in missione governativa e loro familiari

 

Bisogna considerare però che nell’ambito di un accordo bilaterale sulla convertibilità delle patenti di guida è possibile che non tutti i modelli rilasciati in quello Stato vengano considerati convertibili.

La convertibilità riguarda solo ed esclusivamente i modelli espressamente indicati nell’accordo, lo stesso non vale per i modelli emessi in data successiva all’accordo, per questi modelli di patente, infatti, non è concessa la convertibilità salvo un aggiornamento dell’accordo, chiarificatrice la circolare emessa dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti n. 367 del 16 settembre 2009.

 

Non è possibile la conversione della patente extracomunitaria ottenuta dopo l’acquisizione della residenza in Italia, né sarà possibile la conversione della patente ottenuta per conversione di un documento non convertibile in Italia.

 

(*) Filippine. Circolare MIT Prot. MOT3/2166 /M340 del 13/04/2006 A partire dal 01/05/2006, non sono più accettate istanze per il rilascio di documenti di guida italiani di categorie C, D e E per conversione di patenti filippine, provvedendo invece ad emettere, se propriamente richiesto e ove possibile, soltanto le categorie A e B. Per le domande volte ad ottenere le categorie superiori, accettate prima di detta data, la conversione in categorie C, D, E sarà possibile solo sostenendo i relativi esami di revisione di patente di guida, previsti dall'art. 128 del codice della strada. Gli utenti potranno ottenere senza esame di revisione solo le categorie A e B, rinunciando alle categorie C, D e E con una dichiarazione scritta.

 

(*) Regno Unito. Questo Stato è in una fase di transizione, in data 29 marzo 2019 esce dalla U.E., con ulteriore periodo di transizione fino al 21 dicembre 2020.

 

 

 

Gli accordi bilaterali relativi ad ogni Stato sono consultabili nelle relative pagine start.

 

La normativa completa su questo argomento è consultabile sui nostri testi.

  Per saperne di più consulta le nostre pubblicazioni o partecipa ai nostri corsi

 

 

 

I.D.I.S.

Convenzioni internazionali

La patente europea

Speciale patenti U.E. 2013

Lex

 

Per saperne di più

 

 

I.D.I.S.

 

 

I nostri corsi

 

VEICOLI

 

DOCUMENTI

 

 

Contribuisci ad arricchire questa sezione - trasmetti ogni utile informazione o immagine sull'argomento Segnala questa pagina ad un amico, diffondi la cultura del controllo documentale

 

 Produced by W.V.D. - © All rigts reserved Raffaele CHIANCA

Home