PUBBLICAZIONI

 I NOSTRI COSA FARE / COME FARE

 

In quest'area raccogliamo i casi pratici operativi nei servizi di Polizia.

 

Si tratta di episodi verificatisi nel corso di un normale servizio al quale si tenta di dare un protocollo operativo.

 

Per accedere al contenuto è necessaria una password che forniamo GRATUITAMENTE ai nostri collaboratori o a coloro che hanno frequentato i nostri corsi.

 

Clicca sull'immagine e leggi la scheda operativa

 

CONDUCENTI - DOCUMENTI DI GUIDA

 

CITTADINO MOLDAVO - PATENTE DI GUIDA MODELLO MD2 SCADENZA

Il caso in questione riguarda le patenti di guida emesse in Moldova dal 1995, che riportano la scadenza nel codice ICAO. Che valore ha il dato lì collocato, si tratta di un documento con scadenza indicata o va considerato di validità illimitata.

 

CITTADINO MOLDAVO CHE ESIBISCE PATENTE DI GUIDA PROVVISORIA

Il caso in questione riguarda la circolazione in Italia con una patente di guida provvisoria emessa in Moldova, detta: “permisului de conducere provizoriu.

 

CITTADINO ESTERO, STRANIERO O UNIONALE, NON IN GRADO DI ESIBIRE LA PATENTE DI GUIDA CHE A SUO DIRE HA REGOLARMENTE CONSEGUITO

Ci sono questioni che nonostante più volte trattate, anche dalla Suprema Corte, sembra non abbiano mai fine, una di queste riguarda il caso in cui un cittadino estero unionale o straniero viene trovato alla guida di un veicolo senza essere in grado di esibire la patente di guida, nonostante a suo dire conseguita.

 

 

VEICOLI - DOCUMENTI DI CIRCOLAZIONE

 

VEICOLI IMMATRICOLATI IN SVIZZERA, DOCUMENTI E TARGHE. LA POSSIBILITA' DI ESSERE CONDOTTI DA CITTADINI ITALIANI.

Il caso in questione riguarda la circolazione in Italia di veicoli immatricolati in Svizzera. Il tipo di immatricolazione (ordinaria o temporanea) e la possibilità di circolare quando sono condotti da italiani.

 

INTERESSANTE CASO DI ESTEROVESTIZIONE

Il caso è quello di un veicolo che reca targa e documenti di circolazione emessi dalla Repubblica di Tunisia in data 16.09.2013, e che da anni è posto in circolazione sul territorio della Repubblica Italiana da una cittadina Italiana di origini tunisine (forse con doppia cittadinanza), stabilmente residente in Italia, che si fa identificare con passaporto Italiano rilasciato in data 12.06.2013, la stessa esibisce patente di guida italiana emessa in data 24.03.2009.
All’atto del controllo esibisce una carta verde apparentemente rilasciata in data 29.09.2014 da una compagnia di assicurazioni tunisina, con validità fino al 28.10.2015.
Nell’ambito dei primi accertamenti emerge che il veicolo in questione, tuttora immatricolato in Italia, risulta registrato ed in proprietà della stessa cittadina Italiana di origini tunisine, che lo conduce. Non di meno il veicolo in argomento è anche in attualità di un provvedimento di fermo fiscale iscritto al P.R.A. da parte di un Ente creditore.

 

 

VEICOLI - TARGHE

 

VEICOLO DI PROBABILE IMMATRICOLAZIONE ESTERA IN STATO DI ABBANDONO PRIVO DI TARGHE

Nel corso di un servizio d’istituto viene rinvenuto un veicolo senza targa che nonostante la ricerca attraverso il numero di telaio, non risulta registrato in Italia.
Essendo di probabile immatricolazione estera come fare per conoscere lo Stato ove il veicolo è immatricolazione e possibilmente il suo intestatario.

 

TARGHE PROVVISORIE TEDESCHE (ESPORTAZIONE BANDA ROSSA) SCADUTE DI VALIDITA’ - COPERTURA ASSICURATIVA

Il caso in questione riguarda le targhe tedesche provvisorie, per intenderci quelle "esportazione a banda rossa" le quali, ai sensi dell'allegato 1 del DM 86/2008, dovrebbero mantenere la copertura assicurativa anche per i 12 mesi successivi alla scadenza della targa. Tuttavia la convenzione di Lisbona ha modificato le norme UE, di fatto abolendo tale vantaggio e prevedendo che la copertura assicurativa cessi con lo scadere della targa. Data la difformità tra la norma italiana e la normativa UE, qualora venga fermata una autovettura con targa provvisoria tedesca scaduta da meno di 12 mesi è ipotizzabile l'applicazione dell'art. 193 del C.d.S. con contestuale sequestro (oltre all'applicazione dell'art 93)? L'operatore dell'UCI contattato telefonicamente ha affermato che il Bureaux tedesco non copre le targhe scadute.

 

TARGHE PROVVISORIE CON SIGLA "WW" E "W"

Il caso riguarda un veicolo circolante in Italia munito di una targa e carta di circolazione emessi in Francia.
Da un primo controllo sembrerebbe tutto in regola se non fosse che si tratta di veicoli immatricolati provvisoriamente e che quindi non possono circolare sul nostro territorio.

 

 

STRANIERI - DOCUMENTI DI IDENTIFICAZIONE E DI VIAGGIO

 

CITTADINI UNIONALI E STRANIERI POSSESSO ED ESIBIZIONE DEI LORO DOCUMENTI

Il caso riguarda l’obbligo da parte dei cittadini esteri presenti sul nostro territorio, di possedere ed esibire i propri documenti identificativi, di viaggio e di soggiorno.

 

CITTADINA SERBA GENERALITA' DIVERSE SU DOCUMENTI INTESTATI ALLA STESSA PERSONA

Nel corso dei rilievi di un incidente stradale uno dei conducenti, esibiva una carta d’identità serba nella quale erano riportate generalità diverse da quelle invece presenti sulla patente di guida.

A giustificazione di tale incongruenza il soggetto dichiarava di avere assunto il nuovo cognome a seguito del matrimonio, quando aveva deciso di assumere quello del marito. In realtà il fatto strano era che l’incongruenza non riguardava solo il COGNOME, ma anche il nome di battesimo da “SANELA” a “VIKTORIJIA”.

 

 

TRASPORTI

 

ATTESTATO DEL CONDUCENTE

Il caso in questione riguarda il controllo dei trasporti internazionali, che oltre alla licenza comunitaria - qualora il veicolo appartenente ad un’impresa unionale sia condotto da cittadino di un paese extra U.E. - necessitano di almeno un altro documento denominato ATTESTATO DEL CONDUCENTE … vediamo di cosa si tratta.

 

LICENZA COMUNITARIA
Come previsto dal Regolamento (CE) 1072/2009, per effettuare trasporti internazionali di merci su strada per conto terzi è richiesta la LICENZA COMUNITARIA.

Quali sono le peculiarità del documento? Quali le attività di autotrasporto consentite?

 

 

VARIE

 

ALTERAZIONE CRONOTACHIGRAFO TECNICA DEL MAGNETE

Il caso in questione riguarda le alterazioni del cronotachigrafo digitale attraverso un magnete (calamita) che viene applicato sul trasmettitore di movimento (presa di forza) che comunica i dati di viaggio direttamente al tachigrafo. In questo modo si crea un campo magnetico in grado di modificare tutti i dati relativi ai tempi di guida, alle distanze percorse e alle velocità sostenute.

 

 

  Pubblicazioni

Approfondimenti

Relazioni

Articoli documenti

Articoli veicoli

Articoli vari

Quesiti

 

IN QUESTA SEZIONE SONO PRESENTI

013

CASI PRATICI

 

La guida operativa

 

 

Le guide pratiche

 

 

I repertori

 

 

I.D.I.S.

 

 

Le banche dati

 

 
I nostri corsi

 

DOCUMENTI

VEICOLI

 

 

Contribuisci ad arricchire questa sezione - trasmetti ogni utile informazione o immagine sull'argomento Segnala questa pagina ad un amico, diffondi la cultura del controllo documentale

 

 Produced by W.V.D. - © All rigts reserved Raffaele CHIANCA

Home