PUBBLICAZIONI - COSA FARE / COME FARE

 

In sezione raccogliamo i casi pratici operativi nei servizi di Polizia. Si tratta di episodi verificatisi nel corso di un normale servizio al quale si tenta di dare un protocollo operativo.

 

 VEICOLI

 

 

 

DOCUMENTI DI CIRCOLAZIONE

 

VEICOLI IMMATRICOLATI IN SVIZZERA, DOCUMENTI E TARGHE. LA POSSIBILITA' DI ESSERE CONDOTTI DA CITTADINI ITALIANI.

Il caso in questione riguarda la circolazione in Italia di veicoli immatricolati in Svizzera. Il tipo di immatricolazione (ordinaria o temporanea) e la possibilità di circolare quando sono condotti da italiani.

 

 

 

CRONOTACHIGRAFO

 

ALTERAZIONE CRONOTACHIGRAFO TECNICA DEL MAGNETE

Il caso in questione riguarda le alterazioni del cronotachigrafo digitale attraverso un magnete (calamita) che viene applicato sul trasmettitore di movimento (presa di forza) che comunica i dati di viaggio direttamente al tachigrafo. In questo modo si crea un campo magnetico in grado di modificare tutti i dati relativi ai tempi di guida, alle distanze percorse e alle velocità sostenute.

 

 

 

ASSICURAZIONE

 

GERMANIA TARGHE PROVVISORIE (ESPORTAZIONE BANDA ROSSA) SCADUTE DI VALIDITA’ - COPERTURA ASSICURATIVA

Il caso in questione riguarda le targhe tedesche provvisorie, per intenderci quelle "esportazione a banda rossa" le quali, ai sensi dell'allegato 1 del DM 86/2008, dovrebbero mantenere la copertura assicurativa anche per i 12 mesi successivi alla scadenza della targa. Tuttavia la convenzione di Lisbona ha modificato le norme UE, di fatto abolendo tale vantaggio e prevedendo che la copertura assicurativa cessi con lo scadere della targa. Data la difformità tra la norma italiana e la normativa UE, qualora venga fermata una autovettura con targa provvisoria tedesca scaduta da meno di 12 mesi è ipotizzabile l'applicazione dell'art. 193 del C.d.S. con contestuale sequestro (oltre all'applicazione dell'art 93)? L'operatore dell'UCI contattato telefonicamente ha affermato che il Bureaux tedesco non copre le targhe scadute.

 

 

 

TRASPORTI

 

LICENZA COMUNITARIA
Come previsto dal Regolamento (CE) 1072/2009, per effettuare trasporti internazionali di merci su strada per conto terzi è richiesta la LICENZA COMUNITARIA.

Quali sono le peculiarità del documento? Quali le attività di autotrasporto consentite?

 

 

 

VARI

 

VEICOLO DI PROBABILE IMMATRICOLAZIONE ESTERA IN STATO DI ABBANDONO PRIVO DI TARGHE

Nel corso di un servizio d’istituto viene rinvenuto un veicolo senza targa che nonostante la ricerca attraverso il numero di telaio, non risulta registrato in Italia.
Essendo di probabile immatricolazione estera come fare per conoscere lo Stato ove il veicolo è immatricolazione e possibilmente il suo intestatario.

 

VEICOLO IMMATRICOLATO IN LIBIA CONFORMITA' DELLA CARTA DI CIRCOLAZIONE

Veicolo immatricolato in Libia esibisce carta di circolazione non conforme al modello previsto dalla convenzione di Vienna 1968, quale sanzione può essere applicata ??. Il veicolo è condotto sempre dalla proprietaria residente A.I.R.E. ed è ancora nei 6 mesi di immissione temporanea.

 

VEICOLO CON TARGA ESTERA GIA’ IMMATRICOLATO IN ITALIA E NON ANCORA CANCELLATO

In questa scheda trattiamo dei veicoli circolanti sul nostro territorio con targhe e documenti, compresa una copertura assicurativa di altro Stato dell’U.E. Orbene, nel corso del controllo si accerta che lo stesso veicolo era già stato immatricolato in Italia, e lo è tuttora, in quanto non comunicata al P.R.A. (Pubblico Registro Automobilistico) la radiazione per esportazione, e in alcuni casi in veicolo in Italia è sottoposto a fermo amministrativo.

 

VEICOLO CON TARGA SERBA - RINNOVO DI IMMATRICOLAZIONE

In Serbia dopo la prima immatricolazione di un veicolo, denominata “Registracija vozila”, è necessario rinnovare la registrazione ogni anno con una operazione detta “Produženje registracije”, in italiano “rinnovo dell’immatricolazione”. In realtà si tratta proprio di questo, ossia del rinnovo dell’immatricolazione, che deve obbligatoriamente essere fatta, senza possibilità di deroghe, ogni anno. Di cosa si tratta e come si effettua il controllo.

 

TUNISIA INTERESSANTE CASO DI ESTEROVESTIZIONE

Il caso è quello di un veicolo che reca targa e documenti di circolazione emessi dalla Repubblica di Tunisia in data 16.09.2013, e che da anni è posto in circolazione sul territorio della Repubblica Italiana da una cittadina Italiana di origini tunisine (forse con doppia cittadinanza), stabilmente residente in Italia, che si fa identificare con passaporto Italiano rilasciato in data 12.06.2013, la stessa esibisce patente di guida italiana emessa in data 24.03.2009.
All’atto del controllo esibisce una carta verde apparentemente rilasciata in data 29.09.2014 da una compagnia di assicurazioni tunisina, con validità fino al 28.10.2015.
Nell’ambito dei primi accertamenti emerge che il veicolo in questione, tuttora immatricolato in Italia, risulta registrato ed in proprietà della stessa cittadina Italiana di origini tunisine, che lo conduce. Non di meno il veicolo in argomento è anche in attualità di un provvedimento di fermo fiscale iscritto al P.R.A. da parte di un Ente creditore.

 

 

 

 

Produced by W.V.D. - © All rigts reserved Raffaele CHIANCA